I 10 Sintomi dell’Endometriosi: "Naomi Russo"






I movimenti intestinali dolorosi, i crampi allo stomaco, la nausea e il dolore addominale sono sintomi che le donne spesso associano a una dieta sbagliata o al ciclo mestruale. Invece, a volte, i cosiddetti “normali dolori femminili” sono il sintomo di un problema grave, chiamato endometriosi. L’endometriosi è una malattia cronica femminile. Si verifica quando la mucosa parietale dell’utero inizia a espandersi e cresce all’esterno dell’utero fino agli altri organi della zona pelvica, come le ovaie. La crescita delle cellule dell’endometrio può estendersi e compromettere la funzionalità degli altri organi—quali la vescica, l’intestino e l’appendice, arrivando a provocare l’infertilità permanente. La chirurgia è di solito l’unica soluzione per fermare la crescita dell’endometrio e riparare i danni agli altri organi.
Non ignorate i seguenti sintomi dell’endometriosi…

1. Dolore nella Zona Pelvica

Un dolore da lieve a intenso nella zona pelvica può essere il primo indizio che qualcosa non va. La maggior parte delle donne colpite da endometriosi riferisce di ondate di dolore prima durante o dopo le mestruazioni, o durante l’ovulazione.



2. Urinazione Dolorosa

Sentire dolore mentre si urina è comune a chi soffre di endometriosi, a causa della pressione dovuta all’aumento di ritenzione idrica che spinge sulla vescica facendo provare spasmi. Potreste anche notare un aumento delle infezioni della vescica, soprattutto dopo i rapporti sessuali, e il bisogno di urinare più di frequente.

3. Abbassamento delle Difese Immunitarie

Chi soffre di endometriosi in generale ha un sistema immunitario indebolito, ed è soggetto a raffreddori, allergie, intolleranze alimentari, sensibilità della pelle e infezioni alla vescica.

4. Dolore al Fondo della Schiena e alle Spalle

Questo malessere è un altro sintomo dell’endometriosi, comune anche durante il ciclo mestruale. La maggior parte delle pazienti colpite da endometriosi soffre di dolori muscolari e di accumuli di tensione nella parte bassa della schiena e nella regione delle spalle durante o dopo le mestruazioni.

5. Dolore Intestinale

Il dolore intestinale può presentarsi, soprattutto nel periodo del ciclo, durante l’ovulazione, durante l’urinazione o la defecazione e durante o dopo un rapporto sessuale. Non sottovalutate il dolore ritenendolo un normale sintomo delle mestruazioni, soprattutto se normalmente non soffrite di crampi o malessere.

6. Sbalzi di Umore

A causa dello sbilanciamento dei livelli ormonali, le donne che soffrono di endometriosi sono soggette a notevoli sbalzi di umore. Questo è dovuto ai livelli elevati di ormoni, come estrogeni e progesterone, che possono farvi ridere un momento e piangere o essere arrabbiate il momento successivo.

7. Coaguli di Sangue

Un sanguinamento mestruale irregolare o molto intenso può indicare un problema di salute come l’endometriosi. Soprattutto se il sangue mestruale è scuro, denso e appiccicoso con coaguli o filamenti.

8. Cambiamenti e Disagi Intestinali

Episodi di diarrea esplosiva, soprattutto dopo i pasti, possono verificarsi con l’endometriosi. Potreste anche notare tracce di sangue nella zona anale dopo una defecazione faticosa. La diarrea può essere seguita da periodi di stitichezza. Questo ciclo di diarrea e costipazione può andare e venire con il ciclo mestruale.

9. Gonfiore

Il gonfiore addominale è spesso un sintomo del ciclo mestruale. Se, però, abitualmente non soffrite di gonfiori o di ritenzione idrica, potrebbe essere il primo segno di uno squilibrio all’interno del corpo—soprattutto se i dolori mestruali che prima erano un fenomeno occasionale diventano comuni e avete bisogno di prendere antidolorifici (come l’ibuprofene) per sopportarli, o se la zona addominale si gonfia a tal punto da impedirvi di indossare la solita taglia di vestiti durante le mestruazioni.

10. Infertilità

Purtroppo molti studi medici dimostrano che il 40% delle donne che soffrono di endometriosi ha problemi a concepire. Il rischio di infertilità è maggiore se il tessuto endometriale cresce all’esterno dell’utero e si attacca alle ovaie o alle tube di Falloppio, causando cicatrici e interferendo con l’ovulazione.