MICHELA FERRACCI: "IO HO L'ENDOMETRIOSI"

Ciao ragazze, fin da giovanissima, sono sempre stata male: febbre alta e nessuno capiva il motivo. I medici dicevano sempre che erano i reni, che erano coliche renali. Ho visitato centinaia di pronto soccorso, ho cambiato 8 ginecologi, ma nessuno ha mai capito nulla. Nel 1996 mi trasferisco a Terni per lavoro, da Roma, e durante un accesso a un pronto soccorso un urologo mi opera agli ureteri e senza dirmi nulla mi reimpiantano entrambi gli ureteri in vescica per cui i miei reni sono diventati piccoli perché l'endometriosi 11 anni fa aveva bucato gli ureteri e l'urina per 28 anni mi è andata sui reni - se solo i ginecologhi si fossero accorti che era endometriosi non mi sarei ritrovata così. Dopo questo intervento stavo sempre male, intanto passano gli anni e per lavoro mi trasferisco in Toscana. Qui vengo operata per una ciste normale. Al risveglio, dopo 7 ore di intervento, mi viene detto che non potrò più avere figli, perché ho l’ endometriosi, senza aggiungere altre spiegazioni. Inizio una cura con punture di enantone per 6 mesi, ma i dolori non mi lasciano. Mi metto al pc e scopro cosa sia l’endometriosi, così mi iscrivo ad alcune associazioni, di cui non faccio il nome, dove ho conosciuto il mio attuale ginecologo, che adoro, che mi ha operata e mi ha spiegato bene cosa sia l’endometriosi. Nel febbraio 2010 vengo operata da questo dottore, il mese successivo si ripresentano dolori fortissimi, stavo male, sono corsa a Roma e sono stata nuovamente operata perché mi era scoppiato l’ovaio destro con una ciste di 10 cm e scopro che i miei ureteri erano bucati per colpa dell’endometriosi e come conseguenza ora mi ritrovo con due tubicini al posto dei miei ureteri. Dopo l’operazione le previsioni sono pessime: una sola tuba e un solo ovaio, possibilità di una gravidanza nulle, ma, dopo solo 15 giorni, rimango incinta. Purtroppo il taglio cesareo ha peggiorato la situazione, da un endo 2° stadio sono passata al 4° stadio grave. I miei ureteri, o meglio ciò che c’è al posto dei miei ureteri, sono stati presi dall’endo e stanno scendendo, non posso fare un’altra operazione perché i reni sono troppo piccoli e non c’è posto per riattaccarli. Sono piena di endo, e di dolori. Le cure non fanno nulla. Per fare le visite faccio 350 km, spese su spese, sola la pillola mi costa 56 euro al mese. Pago il viaggio, pago le visite, pago le eco,  Tutto il tratto finale dell'intestino non funzionava più ho fatto altri interventi per mettere un neuro stimolatore sacrale per stimolare i nervi che, dopo troppi interventi pesanti, si erano lesionati e quindi non facevano muovere l'intestino. Lo stesso ora mi serve anche per la vescica che a causa dell'ematoma, del rinnesto, del linfocele si è prolassata nella cupola in alto a sinistra e non si svuota del tutto. Quindi le lezioni di cateterismo mi sono riservite perchè devo farne tre al giorno. Tutto ciò che ho perso non tornerà indietro, i dolori non passeranno ed il mio destino ripeto sembra destinato alla dialisi.

Michela Ferracci

A cura del "comitato io ho L'Endometriosi"


Vuoi usare questi contenuti?
Se vuoi utilizzare i nostri  testi o le nostre immagini, inserisci il link di questa pagina.


condividi su