MICHELA VITTORI IO HO L'ENDOMETRIOSI

Ciao Valentina sono Michela Vittori del gruppo noi endo girl siamo forti, ti voglio scrivere la mia storia di endometriosi al fine che possa servire a qualcosa. Ho avuto il ciclo la prima volta a 10 anni e mezzo ed erano già dolorosissime tanto da fa mi stare a letto una settimana, a volte anche con febbre, poi crescendo i vari ginecologi che non si sono mai accorti di niente, mi hanno fatto prendere per tanti anni la pillola dicendo che avevo solo le ovaie microcistiche. Un anno e mezzo fa a fine febbraio circa 2012 ho dolori fortissimi al ventre anche quando non ho il ciclo, comincio a gonfiarmi, il male che si irradia fino ai piedi, mal di testa con nausee e ciclo ogni 13 giorni circa, quindi anche problemi di anemia. Insomma mi trovano la bestia e a metà marzo decidono subito di operarmi, infatti avevo diverse aderenze, endo alle ovaie e nel Duglas. Ripulita di tutto speravo di stare finalmente bene invece da li a nemmeno 2 mesi ancora gonfiore, dolore forte al ventre,mal di testa con nausee fortissimi ecc... decido di andare a farmi visitare in un centro più specializzato e li dopo esami, risonanze, ecografie si vede bene che hanno probabilmente lasciato dell'endo all'altezza del sacro, ma che come operazione vista anche la difficoltà ecc… ed essendo un centro privato mi chiedono 11 mila euro, che ovviamente non ho. Ancora vado in altri centri e ancora soldi e visite ed esami tutto pagato da me ovviamente, confermano gli esami precedenti ma li c'e' chi dice di voler operare e chi no. Insomma oggi neanche dopo un anno e mezzo mi chiedo come posso già rioperarmi... e questa brutta bestia che mi fa stare male, con difficoltà  a lavorare a guidare, si perchè si sono aggiunti nel tempo anche attacchi di panico che mi prendono dando sensazione di non respirare... e una volta fino a notte fonda con questo dolore e ansia che quasi sarei corsa in ospedale, ma non ne avevo le forze. Questa e' la mia storia di endo, dove ancora mi sembra di essere all'inizio, senza sostegno economico da parte di nessuno, con questa malattia che ci rende invalide sotto certi aspetti ma che non ci vogliono riconoscere. Spero che tu possa fare qualcosa per tutte noi.

Un abbraccio forte, Miky.

A cura del "comitato io ho L'Endometriosi"

Vuoi usare questi contenuti?
Se vuoi utilizzare i nostri  testi o le nostre immagini, inserisci il link di questa pagina.


condividi su